MARTHA “NO-GIRL” JOHANSSON

Nome: Martha Johansson

Alias: No-Girl

Team: X-Men, Luci di Hope (Lights), Classe Speciale di Xorn, Classe Speciale di Spider Man, Sinister Six, U-Men, Confraternita dei Mutanti Malvagi (Xorn)

Poteri: Martha non possiede più il corpo, ma solamente il cervello. E’ una telepate in grado anche di trasmettere segnali psionici nelle sue immediate vicinanze: questi segnali annebbiano le menti delle sue vittime, inibendo la loro concentrazione e le funzioni nervose autonome. Può controllare mentalmente le persone, prendendo il pieno controllo del loro corpo.  E’ anche in grado di bloccare l’uso dei poteri degli altri mutanti. Questo potere è molto simile a quello del Morlock Pulce, se non per il fatto che Martha ha il controllo cosciente dei suoi poteri. Il suo sangue ha proprietà luminescenti.

Gadgets: 

  • Involucro di contenimento per il suo cervello tramite il quale vengono anche iniettati regolarmente dei fluidi che le permettono di sopravvivere in questo stato. L’involucro è stato migliorato da Quentin Quire che gli ha aggiunto dei galleggianti anti-gravitazionali che permettono a Martha di muoversi.

Nazionalità:

1 app. Novembre 2001 – New X-Men n.118

1 app. Italia: Gli Incredibili X-Men n.146

Creatori: Grant Morrison, Ethan Van Sciver

Storia:

La prima cosa conosciuta di Martha è che era un’adolescente in fuga, e che venne catturata dal gruppo di suprematisti umani, gli U-Men. Il loro fondatore John Sublime le fece rimuovere il cervello, mantenendolo in vita all’interno di una capsula. 

Sublime la controllava attraverso droghe iniettate da siringhe poste sull’involucro, e la usava per sottomettere i suoi avversari. Riuscì anche ad usarla per colpire Ciclope ed Emma Frost: la coppia tuttavia si liberò della morsa di Martha e le restituì la libertà, fingendosi morta con Sublime.

Ciclope ed Emma l’hanno iscritta all’Istituto Xavier dove è diventata un membro della Classe Speciale di Xorn. Un suo compagno, Quentin Quire, ha inventato uno speciale involucro sospeso per contenere il cervello senza corpo. Martha ha sviluppato un’amicizia con Ernst, un mutante super forte il cui aspetto ricorda quello di una vecchia: spesso Ernst portava l’involucro di Martha tramite una catena e ripeteva le sue comunicazioni telepatiche.

Quando Xorn impersonò Magneto e formò la sua nuova Confraternita dei Mutanti, Martha si unì come la maggior parte della Classe Speciale: tuttavia, lei previde che i piani di Xorn sarebbero falliti. Dopo la morte di Xorn, Martha tornò all’Istituto Xavier; quando questo venne distrutto dalle Sentinelle, Bestia tornò alla Scuola per recuperare alcune delle sue ricerche dalle rovine e trovò Martha. La portò con se alle Graymalkin Industries a San Francisco, nuova base degli X-Men.

In seguito, dopo che la maggior parte della popolazione mutante rimasta si trasferì ad Utopia, Martha fu determinante nel fermare un complotto per conquistare l’isola dal compagno mutante Kid Omega. Durante l’invasione dei vampiri di San Francisco Martha incontrò Damen, un affascinante vampiro che sosteneva di essere la reincarnazione del suo amante, Rue. All’inizio Martha era innamorata di Damen e voleva scappare con lui, ma dopo aver condiviso un bacio si rese conto che era senz’anima. Con il cuore spezzato, Damen permise a Martha di ucciderlo.

Dopo lo Scisma tra Wolverine e Ciclope, Martha scelse di rimanere ad Utopia e si unì alle Luci di Hope Summers su richiesta di Kenji “Zero”. Durante la sua prima missione con la squadra di Hope, il contenitore di vetro di Martha venne rotto da un attentatore suicida che si scoprì poi essere in realtà Sebastian Shaw, a cui Emma Frost aveva resettato la memoria. In assenza della disponibilità di Pixie di teletrasportarla su Utopia, Kenji “Zero” ha usato i suoi poteri mutanti per creare un corpo per lei.

Al ritorno ad Utopia, Kenji e Martha sono rimasti collegati all’interno della stessa forma tecno-organica ed hanno iniziato a nutrire sentimenti l’uno per l’altra. Martha era incredibilmente grata di non essere più solo un cervello in un barattolo ed era ansiosa di tornare ad interagire con il mondo esterno. 

Dopo un po’, tuttavia, Martha iniziò a rendersi conto che Kenji la stava ingannando facendole credere di essere ancora collegati assieme, mentre si rese conto di essere rimasta sola, nel corpo creatole, per molto tempo. Quando Kenji ha preso il controllo della maggior parte di Utopia, influenzando i suoi residenti e portandoli a voler distruggere l’isola, Martha si è unita ad Hope nel tentativo di fermarlo. Martha si avvicinò a Kenji, essendo in grado di aggirare i suoi blocchi psichici con l’aiuto del potere mimetico di Hope. 

L’attacco che ne seguì distrusse il corpo di Kenji e, per estensione, anche il corpo che aveva creato per Martha. Hope portò Martha in infermeria, dove avevano costruito un nuovo contenimento per il suo cervello, ancora senza un corpo. Dopo che gli Avengers (Vendicatori) hanno attaccato e preso Utopia, non volevano che i bambini si unissero alla guerra; di conseguenza, è stato deciso di inviarli all’Accademia dei Vendicatori (Avengers Academy). Tuttavia, i mutanti adolescenti non volevano rimanere lì e se ne andarono alla Jean Grey School for Higher Learning. Mentre era lì, Martha ha dichiarato di avere una cotta per Genesis.

Poco dopo la morte di Wolverine, Spider-Man è arrivato alla Jean Grey School affermando di onorare uno degli ultimi desideri di Logan insegnando in una nuova classe speciale: anche No-Girl, al fianco di Ernst, si è ritrovata nella classe di Spider-Man ed è stata una delle poche studentesse a prenderlo sul serio, richiedendo persino un programma e degli standard di valutazione. 

Tuttavia, la classe di Spider-Man era tutt’altro che tipica ed il gruppo di studenti si è ritrovato coinvolto in un’avventura dopo l’altra. Ernst ha assunto ancora una volta il ruolo di protettore di No-Girl quando la classe viene catturata da Sauron e Stegron. Poi No-Girl è riuscita anche a liberare dal controllo mentale la classe rimasta bloccata nel Mojoverso.

Nonostante il caos che circondava la sua Classe Speciale, Spider-Man tentò di insegnare loro che con il loro potere derivava la responsabilità di proteggere tutte le persone, non solo i mutanti. Cominciò a portare i suoi studenti con sé in pattuglia, ma man mano che l’ammirazione della Classe Speciale per Spider-Man cresceva, Rachel Grey divenne sempre più scettica sulle sue vere intenzioni. 

I suoi dubbi su Spider-Man erano fondati poiché Wolverine lo aveva incaricato di trovare una talpa tra il corpo studentesco, e la sua Classe Speciale erano i suoi sospettati. Alla fiera della scienza della scuola, Rachel Grey ha sfruttato l’opportunità di distrarre Spider-Man per abbattere le sue difese psichiche ed entrare nella sua mente.

Rimase scioccata nel trovare No-Girl nella sua testa, pronta a impegnarla in un combattimento psichico sul piano astrale per proteggere il suo insegnante. No-Girl non solo è riuscita a scacciare Rachel dalla mente di Spider-Man, ma le ha anche cancellato i ricordi in modo che abbia dimenticato tutto ciò che aveva scoperto, inclusa la vera identità dello stesso Spider-Man.

Rachel era furiosa e nonostante le migliori intenzioni di No-Girl, Spider-Man sospettò immediatamente che fosse la talpa. Prima che potesse interrogarla, la Classe Speciale si è lanciata in un’altra avventura, decollando per salvare il quartier generale di S.W.O.R.D. da un’invasione di simbionti guidata da Deathbird. 

Spider-Man ha deciso di riporre la sua fiducia in Martha e le ha chiesto di entrare nella sua mente in modo che potesse legarsi con un simbionte: No-Girl riuscì a malapena a combattere il simbionte prima che travolgesse lei e la mente di Spider-Man, ma avendo rischiato la vita per lui, aveva riguadagnato il suo sostegno. Quando tornarono alla Jean Grey School, Spider-Man diede a Martha la possibilità di spiegare le sue azioni, solo per poi scoprire che la vera talpa era Ernst, che lavorava per conto di Sinistro.

In cambio di fornirgli campioni di DNA di ogni studente ed insegnante della Jean Grey School, Sinistro ha promesso a Ernst che avrebbe creato un nuovo corpo per Martha. Ha catturato Spider-Man e No-Girl e li ha portati alla sua base con l’aiuto di Ernst, dove ha adempiuto alla sua parte dell’accordo posizionando il cervello di Martha all’interno di un corpo clonato da Tempesta. 

Quando il resto della Classe Speciale è andato il loro soccorso, Sinistro ha costretto Martha ad attaccare Ernst che alla fine le strappò il cervello dal suo nuovo corpo. Spider-Man e i suoi studenti hanno infine sconfitto Sinistro e sono tornati alla Jean Grey School. 

Sulla scia di una massiccia ondata di sentimenti anti-mutanti combinata con la scoperta che le Nebbie Terrigene diffuse nell’atmosfera erano dannose per i mutanti, No-Girl, così come molti altri mutanti, si è riparata in un rifugio santuario chiamato X-Haven. No-Girl ed alcuni altri giovani mutanti, Ernst, ora perdonato per le sue azioni, Glob ed Anole, furono riuniti da Colosso per essere addestrati per diventare X-Men.

Quando Cerebra ha rilevato l’apparizione improvvisa di seicento nuove firme mutanti a Tokyo, Tempesta ha inviato Colosso ed il suo team di giovani mutanti a indagare: arrivati al magazzino da cui provenivano tutte le firme mutanti, hanno scoperto che era una base di Sugar Man, che aveva geneticamente modificato seicento embrioni mutanti in totale isolamento dalle Nebbie Terrigene e aveva pianificato di inviarli nel futuro, dove sarebbero stati al sicuro dall’M-Pox causato dalle Nebbie e sarebbero cresciuti fino a diventare la prossima generazione di mutanti, con se stesso come loro leader. Tuttavia, Colosso separò Sugar Man dalla sua arca e, insieme alla sua squadra, finì per essere teletrasportato con gli embrioni nel futuro.

Arrivati ​​mille anni nel futuro della Terra, Colosso ed il team si ritrovano su Omega World, composto da ciò che era rimasto della Terra dopo la rivolta di Apocalisse. No-Girl venne attaccata e la capsula contenente il suo cervello danneggiata, ma grazie allo Stark-Self, intelligenza artificiale creata da Tony “Iron Man” Stark, No-Girl è riuscita a sopravvivere ed ha guadagnato un nuovo corpo. No-Girl e gli altri giovani mutanti hanno trascorso un anno intero a farsi strada attraverso l’Omega World di Apocalisse per cercare di trovare un modo per tornare a casa, ma invano.

Mentre vagavano per le rovine di New York, ora sede di una delle poche razze sopravvissute alle prove di Apocalisse, i Moloid, No-Girl ha incontrato gli X-Men, che li avevano seguiti attraverso il flusso temporale fino a lì. Furono attaccati dai Cavalieri di Apocalisse e dal loro ultimo membro, Colosso. Ritornata nella nostra linea temporale, si è unita alla nazione di soli mutanti di Krakoa e vive ad Akademos Habitat.

Sotto la guida di Amahl Farouk, Martha e i suoi amici iniziarono a fare esperimenti con dei cadaveri, ma sono stati interrotti da Scout. La notte dell’Hellfire Gala, hanno trovato Scout morto mentre esploravano il pianeta Arakko. Decidendo di non voler coinvolgere adulti né Farouk, hanno deciso di far resuscitare Gabby andando ad Arbor Magna ed usando Cerebro per mettere una copia della sua mente nel suo corpo. Quando sono arrivati No-Girl cercò di controllare la mente di Tempus, ma sono stati fermati da Wolfsbane.

Curiosità: inizialmente nella classe di Xorn allo Xavier Institute si nominava No-Girl, pur senza mai far riferimento direttamente a Martha, lasciando intendere che fossero due mutanti distinte. Solo in seguito il nome No-Girl le è stato abbinato: l’ipotesi più accreditata è che effettivamente fossero due persone distinte, una delle quali, la No-Girl nominata fra gli studenti di Xorn, una macchinazione psichica verso gli altri membri dell’Istituto generata dalla stessa Martha.