I DODICI (TWELVE)

1 app. Marzo 1987  – X-Factor n.14

1 app. Italia: X-Marvel n.16 (ed. Play Press)

Creatori: Louise Simonson

Storia:

I Dodici sono un gruppo sconosciuto di mutanti che in futuro avrebbero guidato la razza mutante contro l’homo sapiens, portando guerra e devastazione. La loro storia inizia con una giovane mutante di nome Tanya Trask, figlia di Bolivar Trask, che in seguito sarebbe diventata Madame Sanctity. Alla deriva nel flusso temporale, Tanya viene salvata da Madre Askani, ovvero Rachel Summers, che l’ha portata nel futuro e lì ha guarito la sua mente. 

Questo futuro distopico governato da Apocalisse, sconvolse Tanya che cercò di cambiarlo: ha viaggiato così indietro nel tempo fino a tre anni prima della formazione degli X-Men, nonostante gli avvertimenti di Madre Askani di non farlo, e ha tentato di contattare suo padre, Bolivar Trask. Rachel Summers l’ha seguita, impedendole di rivelarsi a suo padre, ma non prima che Tanya potesse manomettere la creazione di Bolivar, il Master Mold, caricando un programma chiamato “I Dodici”.

Anni dopo, mentre Ciclope si era rifugiato in Alaska per riflettere sulla sua relazione con Madelyne Pryor, fu attaccato da Master Mold, che sosteneva che Ciclope fosse uno dei Dodici e che doveva essere ucciso. Master Mold è stato fermato, ma ha anche rivelato molti altri possibili membri dei Dodici, fra cui Charles Xavier, Apocalisse, Tempesta, Jean Grey e Franklin Richards, figlio di Mr.Fantastic e della Donna Invisibile dei Fantastici 4.

Master Mold sopravvisse all’incontro e in seguito affrontò Power Pack nel tentativo di uccidere Franklin Richards. In questa occasione Master Mold ha rivelato la natura dei Dodici: “Dodici mutanti che un giorno si alzeranno e guideranno tutta la razza in guerra contro l’homo sapiens nel crepuscolo della Terra”. È stato fermato, ma anche in questa occasione ha rivelato altri possibili candidati, tra cui Danielle Moonstar, Cannonball e Psylocke: col senno di poi questa informazione si rivelerà errata.

La successiva menzione dei Dodici proveniva dallo stesso Apocalisse, sostenendo che non solo era uno dei Dodici, ma lo erano anche tutti e cinque gli X-Men originali, Charles Xavier, Tempesta, Cannonball e Cable. In seguito, una volta trovata la lista dei Dodici, anche questa informazione si rivela imprecisa, in quanto né Cannonball né Bestia e Angelo, della First Class,  ne fanno parte.

Tempo dopo Apocalisse decise di rapire i membri dei Dodici: iniziò il suo attacco infiltrando un falso Wolverine tra le fila degli X-Men: ciò ha portato Charles Xavier, che sospettava ci fosse un infiltrato, a sciogliere gli X-Men. Gli X-Men si separarono e poco dopo, Rogue e Shadowcat si trovarono a proteggere Mystica dall’esercito giapponese, gli Yakiba. Mentre Rogue combatteva Sole Ardente e i suoi uomini, Kitty vegliava su Mystica, in convalescenza in uno dei suoi appartamenti rifugio: è stato così che ha involontariamente trovato uno dei diari di Destiny. Il diario aveva una descrizione molto criptica di un tredicesimo volume (i diari in origine erano solamente 12) e diceva che i Dodici sarebbero stati coinvolti nella distruzione del mondo.

Un successivo tentativo di rapire Polaris da parte degli Skrull agli ordini di Apocalisse, convinto che fosse una dei Dodici, venne sventato da Ciclope, che prese il suo posto usando un induttore di immagini. Gli X-Men lo seguirono nella base degli Skrull, dove vengono attaccati dal Cavaliere di Apocalisse Morte, in realtà il vero Wolverine, che in precedenza si era offerto volontario per il ruolo sapendo che l’altra opzione sarebbe stato Sabretooth, e sarebbe stato troppo pericoloso come Cavaliere di Apocalisse.

Poco dopo, Charles Xavier ha rivelato la “Lista dei Dodici”, trovata nel Diaro di Destiny:

I Cavalieri dell’Apocalisse rapirono Cable, Mikhail Rasputin, Uomo Ghiaccio, Sole Ardente e il Monolito Vivente. Gli X-Men, con l’aiuto di Magneto, si precipitarono in Egitto, nella base di Apocalisse. Furono attaccati da un esercito di Skrull; nel mezzo della battaglia, Alfiere, che era stato precedentemente intrappolato in una realtà futura alternativa, è apparso dal nulla, aumentando la confusione:  gli alleati di Apocalisse furono in grado di rapire tutti i restanti membri dei Dodici. 

Viene rivelato che la leggenda dei Dodici è in realtà un piano di Apocalisse: sono infatti dodici potenti mutanti che vuole attirare insieme, poiché ha bisogno di loro e dei loro poteri per ascendere alla divinità. Polaris e Magneto rappresentavano i poli magnetici opposti; Tempesta, Uomo Ghiaccio e Sole Ardente rappresentavano gli elementi della natura; Ciclope, Jean Grey e Cable rappresentavano l’unità della famiglia, rispettivamente padre, madre e figlio, scelti anche per il potere della stirpe Summers-Gray; Alfiere e Mikhail Rasputin rappresentavano il controllo sul tempo e sullo spazio; Charles Xavier rappresentava il potere della mente e il Monolito Vivente rappresentava il nucleo. 

Posizionando i Dodici all’interno di celle di contenimento, parte di un antico macchinario dei Celestiali, Apocalisse avrebbe quindi travasato le energie degli Undici del Potere attraverso il Monolito Vivente per avviare la macchina, che gli avrebbe dato l’onnipotenza. Tuttavia, Apocalisse sapeva che il suo fragile corpo secolare non sarebbe stato in grado di resistere a tale potere: per questo ha rapito Nate “X-Man” Grey con l’intento di trasferire la sua coscienza nel giovane corpo di Nate e quindi usare le energie dei Dodici per evolversi.

Iniziò il processo di trasfusione, ma Apocalisse non aveva considerato l’allora recente perdita dei poteri di Magneto, che esaurì velocemente le sue energie, creando una rottura nella catena. Apocalisse aumentò il flusso di energie, tentando di aggirare la rottura, ma questo fece impazzire il Monolito Vivente, distruggendo la sua unità di contenimento e scatenando una furia che inconsapevolmente liberò gli X-Men. 

Mentre metà della squadra ha combattuto Monolito Vivente, l’altra metà ha tentato di fermare Apocalisse. Jean Grey ha esposto la vera natura di Apocalisse, mostrando il suo corpo in decomposizione all’interno della sua armatura. Mentre cercava di entrare nel corpo di Nate Grey, Ciclope prese il suo posto, sacrificandosi per salvargli la vita. Jean ha tentato di contattare la mente di suo marito, ma Xavier ha affermato che non era rimasto nulla di Ciclope all’interno di Apocalisse.

La storia prosegue nell’arco di Ere di Apocalisse, dove Apocalisse usando le energie raccolte dai Dodici, ha ricreato la realtà due volte, tentando di ricreare il processo e terminare la sua trasformazione. Non è stato in grado di farlo, perché gli X-Men sono sempre riusciti a fermarlo. Esaurite le energie, Apocalisse e il Monolito Vivente fuggirono. Gli X-Men avevano impedito ad Apocalisse di diventare un dio, a spese, almeno apparentemente, della vita di Ciclope.