WITHER

Nome: Kevin Ford

Alias: Wither

Team: Academy XNuovi Mutanti (squadra),  Satiri (squadra), Cerchia Interna di Selene

Famiglia: Angela Ford (madre), Trevor Ford (padre)

Nazionalità:

1 app. Settembre 2003New Mutants (vol.2) n.3

1 app.Italia: X-Men Deluxe n.110 (Marvel Italia)

Creatori: Nunzio DeFilippis, Christina Weir, Keron Grant

Storia:

Quando i poteri mutanti di Kevin Ford si sono manifestati, le piante del suo giardino ed i suoi vestiti hanno cominciato ad appassire, sgretolarsi a livello molecolare. In preda al panico, il padre di Kevin cercò di calmarlo, ma, mentre lo stava abbracciando, anche lui si sgretolò. Traumatizzato dall’esperienza, Kevin ha iniziato a nascondersi ed evitare la gente.

Localizzato da Dani Moonstar, Kevin è stato invitato a frequentare lo Xavier Institute per imparare a controllare i suoi poteri. Inizialmente solo e isolato, ha sviluppato poi un’amicizia con altri nuovi studenti, tra cui Laurie “Wallflower” Collins di cui si è infatuato. 

Kevin stava finalmente trovando un posto dove poter vivere in sicurezza senza far male agli altri;  dopo essere stato attaccato da Donald Pierce e dai suoi Reavers però, Kevin è andato su tutte le furie e ha usato i suoi poteri per attaccare Pierce, uccidendolo.

Per fermarlo, Dani Moonstar è stata costretta a mostrare a Kevin la sua peggiore paura: uccidere Laurie Collins. Kevin è rimasto così sconvolto dall’immagine che ha lasciato l’Istituto, temendo che la sua mancanza di controllo potesse mettere in pericolo gli altri.

Alcuni mesi dopo, Dani Moonstar, con l’aiuto di Emma Frost, decise di riportarlo a scuola: era finito a vivere in un deposito di rottami. Mentre era lì, trasformò i rottami in statue d’arte e si esercitò con i suoi poteri sugli animali.

 

Kevin era ancora arrabbiato con Dani, ma Emma riuscì a convincerlo a tornare, e si unì alla Squadra dei Nuovi Mutanti con il nome in codice Wither. 

Tornato nella Scuola, conobbe Elixir, il ragazzo del quale Laurie Collins era infatuata, e fece amicizia con Mercury del team dei Satiri, unica persona che poteva toccare senza uccidere essendo composta di metallo.

Poco dopo, Kevin è stato arrestato dall’Agente Speciale dell’FBI Justin Pierce per aver ucciso suo padre. Mentre i Satiri cercavano di salvarlo impedendogli l’arresto, i Nuovi Mutanti cercavano di fermarli temendo le conseguenze del coinvolgimento dell’Istituto in uno scontro con l’FBI. 

Gli X-Men arrivarono misero fine combattimento. Alla fine Kevin fu liberato con l’aiuto dell’avvocato Evangeline Whedon e, di ritorno all’Istituto, ha scambiato il suo posto in squadra con Icarus per diventare un Satiro, considerando che i Nuovi Mutanti, dal suo punto di vista lo avevano tradito.

Wither ha continuato a scontrarsi con Elixir a causa dei loro sentimenti per Laurie Collins. Durante il semestre, Wither scoprì che Elixir aveva avuto una breve relazione con la professoressa Rahne “Wolfsbane” Sinclair.

Ha informato l’intera scuola, facendo così naufragare la relazione fra Josh “Elixir” con Laurie “Wallflower” e causando il licenziamento di Wolfsbane.

Durante la pausa estiva, Wither accompagnò gli altri Satiri nella casa della famiglia di Julian “Satiro” Keller in California. Quando Kingmaker contattò i Satiri, fu in grado di fornire a Kevin Cure Mark II, che offrì a Kevin un sollievo temporaneo dai suoi poteri.

Dopo l’M-Day, quando la maggior parte dei mutanti del mondo ha perso i poteri, Kevin pensava erroneamente di averli persi anche lui. Toccò la mano di Laurie facendola appassire. Sentendosi in colpa e depresso, Kevin scappò dall’Istituto. 

Si è trasferito a Mutant Town dove ha iniziato di nuovo a isolarsi dalla società. Wither chiamò Mercury solo una volta dopo essere andato via, e dopo aver scoperto che Laurie era morta si arrabbiò e riattaccò.

A Mutant Town ha incontrato una vecchia senzatetto: ha vissuto con lei per qualche tempo in una casa abbandonata, finché un giorno la donna è stata apparentemente uccisa dalla polizia durante un tentato arresto con l’accusa dell’omicidio di undici persone nel Distretto X.

Kevin ha reagito uccidendo la polizia ma, subito dopo la vecchia ricomparve nei panni di Selene, la Regina Nera del Club Infernale. Ha invitato Wither a entrare nella sua cerchia e lui ha accettato. I due sono diventati amanti da allora in poi.

Come uno degli spacciatori di morte di Selene, Wither l’ha aiutata a reclutare altri e a resuscitare il suo esercito di non morti con il virus Techno-Organic. Wither elimina personalmente Eli Bard, che si ribella a Selene, mostrando in questa occasione di avere incorporato anche i poteri vampireschi del virus tecno-organico usato per far resuscitare i mutanti deceduti e creato proprio da Eli. Quando le forze di Selene attaccarono Utopia, Wither uccise anche il suo ex compagno di classe, Onyxx.

Durante la battaglia finale su Necrosha, Kevin è stato ucciso da Elixir, la cui manipolazione biologica a livello di omega gli ha permesso di sopraffare il tocco mortale di Wither e disintegrarlo.

Anni dopo, Wither riemerse nella neonata nazione mutante di Krakoa, essendo stato presumibilmente resuscitato per mano dei Cinque, un gruppo di mutanti capaci di combinare i loro poteri in un processo di resurrezione, riuniti da Charles Xavier come parte del suo piani per l’ascensione mutante. È stato visto parlare con Bevatron con la sua vecchia Squadra dei Satiri  nell’Akademos Habitat.