GATEWAY

Nome: Sconosciuto

Alias: Gateway

Team: Reavers, X-Men, Generation X

Famiglia: Lucas “Alfiere” Bishop (pronipote), Shard Bishop (pronipote)

Nazionalità:

1 app. Maggio 1988 – Uncanny X-Men n.229

1 app.Italia: Gli Incredibili X-Men n.32

Creatori: Chris Claremont, Marc Silvestri

Storia:

Non si sa nulla dell’indigeno australiano identificato solo come Gateway prima della sua servitù forzata con i Reavers, una banda di cyborg criminali che utilizzano le sue capacità di teletrasporto per viaggiare in luoghi remoti per saccheggiare.

I Reavers lo hanno tenuto in ostaggio minacciando di distruggere irrimediabilmente uno dei luoghi sacri del suo popolo, costringendo i suoi spiriti ancestrali a vagare per sempre perduti in altre dimensioni.

Il suo vero nome è sconosciuto, furono i Reavers a conferirgli il soprannome “Gateway”, trattando l’uomo più come un attrezzo, mentre lui trascorreva praticamente ogni momento seduto su una roccia vicino alla base operativa nell’Outback australiano.

Tracciando i Reavers da un’incursione ad Hong Kong, gli X-Men li combatterono e li sconfissero. Il Reaver Skullbuster disse a Gateway che sarebbe stato liberato da tutti gli obblighi nei confronti dei cyborg se avesse usato i suoi poteri per liberarli un’ultima volta; Skullbuster e altri due riuscirono a scappare.

Dopo essere fuggiti dai Reavers, gli X-Men allora senza una fissa dimora presero il controllo del loro quartier generale abbandonato nell’Outback. Gateway ha iniziato a offrire volontariamente le sue abilità per facilitare i viaggi agli X-Men, mentre Psylocke usanvado i suoi poteri telepatici per comunicargli direttamente dove volevano andare. Sotto molti aspetti, Gateway divenne un membro non ufficiale della squadra durante questo periodo.

A un certo punto, ha portato la giovane mutante  Jubilee alla base degli X-Men a seguito delle donne della squadra di rientro da una giornata di  shopping in California. Apparentemente Gateway lo ha fatto deliberatamente, e ha anche parlato a Jubilee, salutandola, anche se le motivazioni di questo gesto rimangono sconosciute.

Poco dopo, i Reavers in fuga tornarono, con l’aggiunta di Donald Pierce del Club Infernale, Lady Deathstrike, e dai suoi stessi scagnozzi cibernetici: Macon, Cole e Reese. Questa formazione rafforzata riuscì a inseguire gli X-Men e a sconfiggerli temporaneamente, rivendicando la loro città e recidendo il rapporto degli eroi con Gateway. Gateway fu costretto a servire nuovamente i Reavers, fino a quando un gruppo di Sentinelle spazzò via i cyborg.

Qualche tempo dopo, Gateway apparve nel campus della nuova filiale dell’Accademia del Massachusetts della Scuola per Giovani Dotati del Professor Charles Xavier, in cui i membri della giovane squadra mutante, Generation X, ricevevano da Emma Frost e Banshee la formazione sull’uso dei loro poteri.

Qui, Gateway continuò le sue misteriose meditazioni, sebbene spezzò il suo lungo silenzio a un certo punto per pronunciare il nome di Penance, una giovane mutante che aveva portato a scuola. 

La presenza di Gateway a scuola era evidentemente motivata dalla redenzione della colpa per aver avuto un ruolo nella distruzione del precedente gruppo di studenti mutanti di Emma Frost, i Satiri. È stato anche rivelato che Gateway era il mentore delle gemelle St. Croix, Claudette e Nicolette, quando si unirono per impersonare la loro sorella maggiore, Monet.

Alla fine, Gateway si teletrasportò lontano dall’Accademia, decidendo che il suo tempo con Generation X era finito. In seguito apparve al team X-Treme X-Men dopo l’apparente morte di Psylocke, rivelando ad Alfiere di essere il suo bisnonno.

Gateway tornò in Australia, riprendendo la sua vita da eremita. Fu attaccato e apparentemente ucciso dai Marauders per la sua conoscenza dei diari di Destiny.

Tuttavia, riapparve, prendendosi cura di Eden Fesi, un teleporta. Ricevette la visita di Nick Fury che voleva reclutarlo nei suoi Secret Warriors, ma si rifiutò di lasciare che il suo discepolo andasse con lui, anche se più tardi lo fece andarono quando arrivarono anche Quake e Druido.

Ancora una volta fu usato dai Reavers che intendevano far saltare in aria Utopia e minacciandolo di uccidere la sua famiglia e il suo villaggio se avesse rifiutato di collaborare. È riuscito a chiamare X-Force tramite Deadpool.

Successivamente aprì un portale per riportare gli X-Men di Terra-295 nel loro mondo. Gateway sarebbe rimasto con X-Force fino a quando apparentemente non fu ucciso di nuovo, questa volta per mano di Ultimaton.

Psylocke riuscì ad usare l’ultimo respiro di Gateway per teletrasportarli in una posizione casuale, che sembrava essere un futuro possibile. Il suo cadavere fu probabilmente disintegrato nell’esplosione.

In seguito Gateway fu visto vivo e presumibilmente risorto a Krakoa dai Cinque. Gli fu chiesto di aiutare a teletrasportare il capitano Kitty Pryde e i suoi Marauders da Taipei a Londra.