CHAMBER

Nome: Jonothon “Jono” Evan Starsmore

Alias: Chamber, Decibel

Poteri: mutante di pura forma psionica di energia infiammata, il cui corpo è solamente un involucro dentro al quale si mantiene questa entità. Essa si manifesta attraverso fiammate più o meno esplosive, che inizialmente risultarono fuori controllo, tanto da distruggergli irrimediabilmente una parte del volto la prima volta che si manifestò. Ha capacità telepatiche, non ha necessità di nutrirsi, di bere o di respirare.

Team: Generation X, X-Men, Clan Akkaba, Morlocks, New Warriors, Nuovi Mutanti, Weapon X

Famiglia: Apocalisse (Antenato), Jack Starsmore (Bisnonno), Clarice “Blink” Ferguson (Cugina)

Nazionalità:

1 app. Novembre 1994 – Generation X n.1

1 app.Italia: Wiz n.7 (Marvel Italia)

Creatori: Scott Lobdell, Chris Bachalo

Storia:

Jonothon Evan Starsmore (“Jono” per i suoi amici) nato a Londra è un mutante che possiede una fornace di energia psionica nel suo petto.

Questo potere si manifestò per la prima volta con un’esplosione che distrusse gran parte del suo petto e della parte inferiore del viso e paralizzò la sua fidanzata Gayle Edgerton. Come risultato della sua deturpazione, Chamber poteva parlare solo tramite telepatia.

Poco dopo che i suoi poteri mutanti si manifestarono, Jonothon accettò un invito a unirsi alla Massachusetts Academy. All’aeroporto, fu attaccato da Emplate, un malvagio mutante malvagio che si nutriva di materiale genetico mutante per sopravvivere, e il nascente team di Generation X (M, Husk, Synch, Skin e Jubilee) arrivò per combattere Emplate.

Poco dopo, Chamber convinse la folle Penance a smettere di attaccare la squadra; entrambi andarono a Boston a vivere con la squadra alla Massachusetts Academy.

Alcuni mesi dopo, Emplate catturò Chamber con l’aiuto di Gayle e li imprigionò entrambi. Gayle incolpò Jono per averle rovinato la vita, ma i due riuscirono a superare il dramma dopo che il resto di Generation X li liberò. Chamber in seguito ebbe una storia con Husk, sebbene la loro relazione fosse imbarazzante e tesa, e fu interrotta in più di un’occasione.

Chamber divenne ancora più depresso quando vide che Synch, che poteva duplicare i poteri di un mutante vicino, era più abile con i poteri di Chamber di quanto non fosse lui stesso.

Dopo che Synch fu ucciso impedendo a una bomba piazzata da Adrienne Frost di uccidere gli studenti umani, i ragazzi di Generation X sentirono che il loro addestramento era finito e dovevano usare i loro poteri per aiutare l’umanità.

A Jono fu offerto un posto con gli X-Men: declinò tuttavia e tornò a Londra, dove si unì alla pop star Sugar Kane, divenendo uno strumento pubblicitario per la cantante, e lo abbandonò dopo che gli disse che lo stava usando solo per la sua immagine. Raggiunse Nightcrawler, Uomo Ghiaccio, Arcangelo e Wolverine che si trovavano a Londra per difendere i Morlocks londinesi da Mister Clean e si unì agli X-Men.

Come X-Man, Chamber ha indagato sugli apparenti omicidi di studenti mutanti presso la Empire State University. Ha conosciuto un mutante rettiliano, Amber, e anche Walter, un paraplegico precedentemente ostile ai mutanti ma che in seguito si è unito al nuovo programma studentesco di scambio dell’ESU-Xavier Institute.

La relazione con Amber finì rapidamente quando lei pensò che lui ne era interessato solo quando usava le sue abilità mutevoli per assumere una forma più convenzionalmente attraente. Successivamente chiese di essere sollevato dal servizio attivo con gli X-Men, sostenendo che aveva ancora molto da imparare.

Ritornando agli X-Men, Chamber vide Husk tra le braccia di Arcangelo: dopo averlo colpito ed aver distrutto un bar con i suoi poteri mutanti e gli X-Men lo consegnarono alla polizia. Mentre era in prigione, con un  elmetto che smorzava il suo potere, Chamber ricevette una visita da Brent Jackson, che gli offrì un invito a partecipare al programma Weapon X.

Ha accettato, anche se in realtà si è infiltrato nel gruppo per conto degli X-Men per scoprire cosa fosse il campo di concentramento denominato Neverland. Weapon X ha ripristinato il suo corpo distrutto, poco prima di una ribellione a Neverland. Chamber si assicurò di aiutare quanti più suoi compagni mutanti potesse, ma ciò accadde durante il M-Day.

Chamber, come molti dei mutanti di Neverland, perse i suoi poteri. Il suo nuovo dispositivo che teneva a bada la sua mutazione fu distrutto, lasciando un buco nel suo petto e nessuna mascella.

Probabilmente a causa dei suoi poteri psionici che sostituivano la maggior parte dei suoi polmoni e del suo cuore, Ciclope non era sicuro che Chamber avesse perso del tutto i suoi poteri. Quando lo scoprirono, Bestia costruì una macchina per tenerlo in vita e Ciclope lo portò per essere curato in un ospedale, dove fu visitato dal giornalista Sally Floyd, da Frederick Slade come terapista e dal mutante inglese Pete Wisdom.

A causa della visita di Pete Wisdom, fu spostato in Inghilterra da membri del clan Akkaba, discendenti di Apocalisse, che usarono il sangue dello stesso Apocalisse per guarire il buco nel suo petto. È stato anche rivelato che Jono era un lontano discendente di Apocalisse e gli è stato detto che i suoi poteri sarebbero infine tornati insieme alla cura, che gli ha conferito un aspetto simile ad Apocalisse, con la pelle grigia e le labbra blu, e ripristinato il suo tatuaggio marchio del clan Akkaba.

Gli fu offerto di unirsi al Clan, ma rifiutò l’offerta; s’imbatté immediatamente nella nuova squadra di Excalibur, che lo stava cercando dopo il suo rapimento da parte del Clan. Gli offrirono di unirsi a loro, ma Jono declinò anche questa offera, dato che voleva solo vivere la propria vita.

Successivamente, si è trasferito a New York, dove l’ex compagno di squadra e l’ex mutante Jubilee gli ha chiesto di unirsi ai New Warriors nella speranza di combattere il crimine al di fuori dei vincoli del Registration Act. Dopo gli eventi di Age of X Jono è stato rinnovato e restituito al suo vecchio aspetto: rimase su Utopia e raggiunse gli X-Men.

Jono ha scelto di andare con Wolverine per fondare la Jean Gray School. Ha tenuto lezioni sul cambiamento fisico della mutazione. Durante una di queste lezioni la classe fu attaccata dall’arma Omega che costrinse Jono a difendere i suoi studenti.

Quando David “Legione” Haller perse il controllo del suo potere e dei suoi sub-personaggi a causa dello shock mentale causato dalla morte di suo padre, iniziò a devastare l’Asia. Chamber faceva parte della squadra riunita per rintracciarlo e fermarlo. 

Quando gli X-Men finalmente trovarono Haller e si misero in battaglia con lui, David usò il potere del suo sub-personaggio chiamato “The Skinsmith” per deformare la pelle attorno al buco nel petto e nella faccia di Chamber per chiudere lo squarcio, causando l’aumento di pressione e il conseguente accumulo del suo potere.

Tuttavia, la pressione è stata stabilizzata da Bestia creando un buco con una penna. Chamber e il resto della squadra hanno inseguito David Haller in un negozio di munizioni. Chamber lanciò un’esplosione contro la capanna provocando l’esplosione delle munizioni e apparentemente incenerendolo; David è però fuggito riuscendo a piegare la realtà.

Successivamente, Blindfold reclutò Chamber, insieme a Frenzy e Pixie, per aiutare Legione in una lotta contro Teschio Rosso. Quando una delle personalità di Legione attaccò il pianeta, infettando la popolazione umana con odio travolgente e tentando di provocare una guerra nucleare per spazzare via il mondo, Chamber faceva parte di una squadra di X-Men che rispose alla richiesta di Legione di aiuto. Chamber fu ucciso da un’esplosione di energia sparata dal mostro.

Successivamente, fu resuscitato da Legione stesso, con i suoi ex poteri ripristinati e senza i miglioramenti che aveva apportato il Clan Akkaba.

Dopo la decimazione mutante causata da Nate Gray, Chamber andò sottoterra, unendosi e guidando la comunità mutante dei Morlocks. Dedicato alla protezione della sua comunità, Jono rifiutò l’offerta di Ciclope di ricongiungersi agli X-Men.

Tuttavia, i Morlocks furono di nuovo attaccati dai Marauders e, con gran parte di loro sterminati, Jono si riunì agli X-Men per garantire un rifugio sicuro per i membri sopravvissuti e anche per inseguire i Marauders. Quando gli X-Men rintracciarono finalmente i Marauders, ci fu un breve combattimento dopo il quale i Marauders proclamarono la loro innocenza. 

Chamber, non credendoli, li ha bruciati uccidendoli. La loro morte fu vendicata da Harpoon, che colpì Chamber con un arpione energizzato uccidendolo.

In seguito alla fondazione di uno stato mutante a Krakoa per mano di Charles Xavier e dei suoi alleati, Chamber riemerse come cittadino della Nazione, presumibilmente rinato dalla mano dei Cinque, un gruppo di mutanti in grado di unire i loro poteri in un processo di risurrezione, riunito da Xavier come parte dei suoi piani per l’ascensione mutante.

Chamber si unì ai riformati Nuovi Mutanti e andò in missione nell’Impero Shi’ar con l’intento di portare Cannonball a Krakoa.